• thelibrarianblog

Arti magiche e petali di rosa | Stati di desiderio di Marilena Votta

Aggiornamento: 28 gen


“Mezza nera e mezza bianca a seconda del posto del mondo in cui mi trovo. Ho sedici anni. Amo la letteratura greca. La poesia e le storie magiche. La corsa. I tramonti estivi. L’acqua frizzante con il ghiaccio che si scioglie in trasparenza. Il pelo dei gatti. Ho gli occhi di uno strano colore tra il nocciola e il caffè. Ciglia lunghe senza bisogno di mascara. Ho conflitti, paure e voglia di scappare. Ho una storia con un uomo troppo grande che è sposato con un’altra […] Mi sento sola, vorrei avere una famiglia che mi protegga dal mondo. Vorrei risate e litigi e competizioni feroci tra fratelli per attirare l’attenzione dei genitori. Ma io non ho tutto questo. Ho un padre in fuga. Una madre che non riesce a toccarmi perché le incuto timore. Ho il dono di essere sensitiva. Ho le cose che i miei genitori avrebbero dovuto dirmi, e che sono rimaste nascoste tra noi, come acque sotterranee."

Daniella è tutto questo e molto di più a soli sedici anni. Una protagonista con una personalità decisa, forte, ma con una vita piena di lacune che tenta di riempire attraverso il suo rapporto con Mauro, il vicino di casa con il quale la ragazza inizia una relazione dapprima solo fisica, ma che poi, con il tempo, la aiuterà a crescere e a diventare una giovane donna che si affaccia alla vita adulta.


E mentre cresce, bella come nessuna, piena di fragilità ma anche di grandi punti di forza, Dani prenderà coscienza del suo grande dono: riuscire a vedere dentro le cose e le persone e sapere cosa accadrà loro in futuro. L’unica persona che riesce davvero a capirla nel profondo è suo padre, figura emblematica nel romanzo, che condivide con Dani un fascino irresistibile e il Dono che rende le loro vite diverse da tutte le altre.


Quando ho iniziato a leggere questo romanzo, il primo dell’autrice napoletana Marilena Votta, non riuscivo a capire dove queste pagine mi avrebbero portata: una ragazzina che scopre il sesso con un uomo sposato, con il doppio dei suoi anni, a cui mancano figure genitoriali di riferimento perché ha un padre sempre in fuga e una madre che vive solo nei pochi momenti in cui suo marito torna in famiglia. Ok, ho pensato, una storia come tante.


E invece, proprio nel momento in cui mi sembrava di navigare in acque conosciute, la scrittrice ha svelato le sue grandi capacità narrative e mi ha stupita regalandomi una storia di magia, raccontata con toni vivaci, a tinte forti ma mai troppo esplicite, con una prosa dal ritmo semplice e molto scorrevole al quale si alternano pagine dal suono chiaramente poetico.


Creare empatia con un personaggio come quello di Dani non è affatto semplice, eppure la Votta ci riesce con estrema naturalezza e ci si ritrova a leggere questa storia in piena sintonia con un personaggio in piena crescita, dinamico, magico, molto profondo, che vive di contraddizioni, di istinto, di passione ma anche di paura e grande solitudine, come spesso accade durante l’adolescenza.


Lei crescerà prima degli altri, vedrà cose che i suoi compagni non riescono a vedere, e imparerà a fare i conti con la sua paura più grande, l’abbandono. E attraverso i suoi occhi il lettore riesce a vedere anche dentro sè stesso, il respiro si fa più profondo, i suoni più lontani e per un breve momento, che dura il tempo di qualche capitolo, cadono tutte le maschere e, come per magia, si riesce ad andare oltre la superficie delle cose e a guardare in faccia per qualche istante la verità.


Non è detto che quello che vediamo ci piacerà, anzi, con ogni probabilità ne rimarremo delusi, proprio come Dani. Sta a noi decidere se rimettere un velo di ipocrisia sopra ogni cosa, o imparare che la realtà può avere forme diverse, inattese, cangianti, che spaventano, ma ci lasciano più veri e forti di prima.

 

Marilena Votta

Marilena Votta è nata a Napoli e vive a Roma, dove conduce la trasmissione radiofonica Scusate se leggo su RedHouse Radio Web. Ha pubblicato diverse raccolte di racconti, Equilibri sospesi (2012), La ragazza di miele e altre storie (2016) e Diastema (2020).

Molti dei suoi versi sono raccolti nel suo libro intitolato Estate.

Stati di desiderio è il suo primo romanzo.


 

Stati di desiderio

Autore: Marilena Votta

Editore: D Editore

Pagine: 250

Anno di pubblicazione: 2021

52 visualizzazioni0 commenti